sabato 23 giugno 2012

Ricordando il Monviso

Autore: Rosanna Rosin
Categoria: escursionismo

Rosanna Rosin al Monviso

Vigilia di un trekking, ci vuole molto tempo per preparare lo zaino.

Penso e ripenso: panino, frutta, acqua, te, berretto, guanti, giacca a vento, cambio, piccoli sanitari (un po’ di cerotti) ma ahimè c’è ancora spazio così metto dentro tutti gli affetti, l’educazione che ricevetti dalla montagna, la mia solitudine quando mi raccolgo in preghiera e alzo gli occhi al cielo e ricordando il Vangelo dico: “Dio Creato Creatore tutto perfetto anche dalla pietra d’angolo”. 

Mi passa accanto un camoscio, lo guardo, si avvicina. Mi trovo sul Monviso. 
La sera esco ammiro il tramonto e lo stambecco mi osserva sembra dire “ci sei anche tu” e la famiglia si allarga. 
Dopo tanta fatica lo zaino si alleggerisce, la gioia è immensa, gli Amici sempre vicini, le guide molto pazienti e allerte. 
Il riposo in rifugio mi fa sentire sempre in famiglia con grande rispetto. 
È il terzo giorno, con rammarico si ritorna molto carichi, riempio di nuovo lo zaino ma questa volta di fatica e di gioia ci stanno pure gli Amici. 
Ci vuole molto tempo per raccontare… ma pensiamo alla prossima.