Loading...

Alla scoperta dell'Appennino Piacentino (2 gg.) vie ferrate Mazzocchi e Ferrari.

1°giorno - EEA) Dal Parcheggio al Passo Zovallo (1405 m) sì in bocca l’evidente sentiero 001 che inizia di fronte all’ampio spiazzo dove si posteggiano le auto. Si segue il percorso in direzione del lago Nero (1541m). Si prosegue lungo il sentiero 011 in direzione Fontana Gelata proseguendo fino al Bivacco Sacchi (1600 m) imboccando il sentiero 007. Dal bivacco si raggiunge in cinque minuti l’attacco della ferrata, a 1h 45' dal parcheggio, che si sviluppa lungo la bastionata del Groppo delle Ali.
Dalla sommità del Groppo delle Ali si prosegue in direzione del vicino Monte Bue a 1771 m. Partendo dalla vetta si prende il sentiero 001, procedendo pressoché in piano e dopo una breve discesa si giunge in località Sella Costazza 1671 m. Si prosegue diritto verso l’evidente crinale del Monte Nero segnavia 003 arrivando sulla sommità del monte Nero 1752 m, da cui si può ammirare un panorama maestoso.
Continuando si segue il sentiero che discende il crinale nord-est del monte, lasciando a destra una traccia che scende in direzione di Tana del Monte Nero. Proseguendo per il ripido sentiero ignorando le varie deviazioni e arrivando nel sentiero 001 che permette di raggiungere il Passo Zovallo.
La ferrata Mazzocchi inserita in un contesto bellissimo e per noi sconosciuto, risulta essere mediamente difficile ma molto appagante per il contesto in cui si trova.

Pernottamento presso il Rifugio Lago Nero.

2°giorno - EEA) Da Rocca d’Aveto (posteggio) ritornare in direzione Roncolongo e reperire il sentiero per il Groppo Rosso (cartelli indicatori). Proseguire sino al bivio per la Valle Tribolata, (sentiero che si stacca a sinistra, senso di marcia) seguire in falsopiano, poco prima di uscire dal bosco ed arrivare alla valle tribolata,si trova sulla dx un cartello indicatore riguardo la via ferrata.
Seguire ora dei segnali gialli in vernice che risalgono il bosco (non sempre visibilissimi) prima leggermente verso destra (senso di marcia) quindi decisamente a sinistra (senso di marcia), raggiungendo un secondo pannello indicatore.
Per un buon tratto il percorso si sviluppa su tracce di sentiero ed alcuni brevi passaggi rocciosi, privi di cavo, porre la dovuta attenzione.
In breve si arriva al cavo, seguirlo sino ad un ultimo gendarme che segna la fine delle difficoltà. Lo si può superare direttamente (breve passo impegnativo) oppure aggirare sulla sinistra (senso di marcia).
Un pendio erboso porta in vetta alla Roncalla. Calcolare un’ora dall’attacco.
Da questa, si scende (pendio erboso a dx, senso di marcia) verso la vetta del Groppo Rosso (indicazioni e segnavia presenti) e si rientra a Rocca d’Aveto passando dal Rifugio Astass (non custodito).

La Quota di iscrizione comprende le spese organizzative. NON COMPRENDE il pernottamento presso il Rifugio Lago Nero.

* Per i NON Soci, oltre alla quota d’iscrizione, è obbligatoria l’assicurazione di € 11,55/giorno. Vedi regolamento sul sito www.caipadova.it.

Locandina - 1
Locandina - 2

Accompagnatori:

Riccardo Parisi (cell.349 7418840)
Marina Braida (cell.328 2119666)
Paolo Podestà (cell.328 0320822)