Loading...

Colli Euganei

Sistemate le auto con ordine nel parcheggio del ristorante, si prende la via asfaltata in salita che porta al “Ristorante ai Castelli”: da qui subito dietro il ristorante si imbocca il sentiero verso sinistra (R2) dove sorgono dei vecchi, maestosi castagni chiamati “castagnare de Fassio”. Si prosegue ed al primo bivio si tiene la destra, ad un certo punto il sentiero si inerpica per un breve tratto. Qui le rocce si animano: osservando le rocce si scoprono delle sculture eseguite sul posto da Alfredo Barbiero un noto artista locale. Subito dopo si sfocia al quarto tornante della “strada de Bepi del Monte”. Dopo 4 tornanti prendiamo sulla destra verso la “strada tagliafuoco”, il sentiero prosegue quindi pianeggiante e poco prima della Baita di Passo Fiorine parte a destra il sentiero che scende verso Rovolon. Dopo circa 300 metri, a sinistra si stacca un sentiero la variante R6A e ad un piccolo slargo si trova una grossa pietra detta “Pria del Calcagno” sopra la quale una leggenda locale asserisce si sia seduta la Madonna, lasciando l’impronta del calcagno. Proseguendo per la variante si arriva a “La Crose” punto panoramico sopra il paese di Rovolon, ritornati sul sentiero principale e superato un vecchio serbatoio dell’acqua scendiamo verso la Chiesa tornando al punto di partenza

Locandina