Loading...

Trekking camminacammina sulla Francigena da Massa a Siena dal 19 al 27 giugno 2021

TREKKING CAMMINACAMMINA SULLA FRANCIGENA - DA MASSA A SIENA

DAL 19 AL 27  GIUGNO 2021

Proponiamo ai soci un trekking itinerante lungo il percorso della Via Francigena partendo da Massa passando per Pietrasanta, Camaiore, Lucca, Altopascio, San Miniato, San Gimignano, Monteriggioni fino a  Siena.

Non è previsto il trasporto bagagli pertanto come i pellegrini cammineremo con tutto il nostro bagaglio sulle spalle. Sarà cura di ciascuno stabilire cosa portare riducendo il tutto allo stretto necessario. 

Sabato 19/06/2021. Padova – Massa in treno. Massa mt. 65 – Castello Aghinolfi mt. 228  Pietrasanta mt. 14.Da Padova con treno regionale 3905 partenza alle ore 08:09 per Bologna (partenza da Terme Euganee alle ore 08:18) con arrivo alle ore 09:46 Da Bologna con autobus B439 delle ore 10:10 per Prato con arrivo alle ore 12:20. Da Prato centrale con treno 18512 delle ore 12:21 con arrivo a Lucca alle ore 13:29. Dalla stazione raggiungiamo la centrale piazza degli Aranci e saliamo verso il castello dei Malaspina a raggiungere la chiesa di Santa Chiara. Si scende a fianco del campanile per sentiero ad un tornante e si passa sotto porta Quaranta proseguendo per via del Bargello a raggiungere la statale Aurelia. La si segue passando per  la frazione di Turano e la si lascia per raggiungere la località Debbia. Si prosegue su un tratto urbanizzato passando per le località di Capanne e Prato passando il torrente Montignoso su passerella pedonale. Da qui si sale lungo la via Palatina al castello Anghinolfi, di origine longobarda,   con panoramica vista sul Tirreno. Dal castello si scende per strada asfaltata al borgo di Strettoia. Da qui il percorso si inoltra nella campagna tra coltivazioni, orti e alberi da frutto arrivando alla frazione di Ripa. Si attraversa un piccolo parco lungo il fiume Versilia che si passa su ponte pedonale per andare a raggiungere la pieve di Santo Stefano di Vallecchia. Usciti dal borgo si prosegue per percorsi pedonali e stradali arrivando alla periferia di Pietrasanta. Entriamo nel centro storico raggiungendo al centralissima piazza Duomo ove si affaccia il Duomo duecentesco di San Martino, la chiesa di Sant’Agostino e la torre civica.

Ore 4:00 km. 17,00. Dislivello salita mt. 340 discesa mt. 350. Difficoltà: media.

Domenica 20/06/2021. Pietrasanta mt. 14 – Camaiore mt. 34 – Montemagno mt. 214 – Valpromaro mt. 141 – Lucca mt. 19. Ci si inoltra all’interno della Toscana con saliscendi tra i primo rilievi delle Apuane raggiungendo Lucca. Tappa lunga. Si esce da Pietrasanta  lungo la SR 439 verso Camaiore passando per la pieve romanica dei Santi Giovanni e Felicita considerato il monumento più antico di tutta la Versilia. Si sale ora puntando verso le colline, camminando tra ulivi, viti, cipressi raggiungendo Valdicastello Carducci che diede i natali al poeta. La strada  si abbandona per  seguire un sentiero che passa sotto un portale della via Francigena entrando in un fitto bosco. Per poi iniziare una discesa verso  la località di Pianore. Ora per carrarecce e strade asfaltate  raggiungiamo un percorso pedonale che passato il torrente Lucese porta ad un lunghissimo rettilineo che ci porta a Camaiore. Usciti da Camaiore seguiamo per un buon tratto una strada sterrata che sale al culmine della salita all’arroccato paesino di Montemagno. Si scende ora sulla SP 1 per un tratto e poi su un sentiero al suo fianco. Si segue nuovamente La SP 1 fino al paese di Valpromaro per poi raggiungere, abbandonando l’asfalto e salendo nel bosco,  il paesino di Piazzano con la duecentesca chiesa di San Frediano. La discesa a San Macario in Piano avviene su sentieri e strette stradine asfaltate. Siamo nella Piana di Lucca e raggiungiamo il borgo di Ponte San Pietro e il fiume Serchio. Lungo una pista ciclabile lungo il Parco Fluviale  arriviamo alla periferia di Lucca da dove entriamo per la monumentale Porta San Donato. Attraversiamo il centro storico raggiungendo piazza San Michele e la chiesa di San Michela  in foro e da qui la cattedrale di San Martino che custodisce “il volto Santo” un antico crocefisso ligneo  e il monumento funebre di Ilaria Del Carretto.

Ore 7:30 km. 32,00. Dislivello salita mt. 450  in discesa mt. 460. Difficoltà: media.

Lunedì 21/06/2021.Lucca mt. 19 – Capannori mt. 15 – Porcari mt. 32– Altopascio mt. 19.

Visitata Lucca partiamo percorrendo la  via della Croce e passando prima  porta San Gervasio sulle mura medioevali  e poi porta Elisa su quelle Estensi usciamo in direzione di Capannori. Raggiungiamo prima Antraccoli con la chiesa di San Michele risalente al 777 D.C. e poi il museo Etnologico ed Etnografico Athena di Capannori. Passato Capannori con la sua chiesa romanica dedicata ai Santi Quirico e Giulitta proseguiamo lungo la via Romana nella piana del Serchio in zone antropizzate raggiungendo prima PorcaIi e poi la Badia di San Pietro a Pozzeveri . Da qui ci porta infine a raggiungere Altopascio.  Ore 4:30 km. 19,00. Dislivello salita/discesa mt.20. Difficoltà: facile.

 

Martedì 22/06/2021. Altopascio mt. 19 – Fucecchio mt. 25 – San Miniato Alto mt. 156. Percorso vario nei boschi delle Cerbaie e sulle alture a spartiacque tra ì bacini dell’Arno del Serchio, con tratti  in pianura  verso due città arroccate sui due versanti del Valdarno: la Fiorentina Fucecchio e la pisana San Miniato. Si lascia Altopascio da porta Fiorentina raggiungendo prima Galeno per poi inoltrarsi nel bosco delle Cerbaie. per poi  arrivare a Ponte a Cappiano. Qui si varca l’antico ponte Mediceo e seguendo l’alzaia del canale si raggiunge Fucecchio. Di attraversa il suo centro storico salendo all’abbazia di San Salvatore e scendendo poi al ponte sull’Arno in direzione di San Miniato Basso.. Da qui dal complesso della Misericordia saliamo su sentiero panoramico a San Miniato Alto.

Ore 7 Dislivello in salita mt. 250 in discesa mt. 115. Km. 29,00.  Difficoltà: impegnativa.

Mercoledì 23/06/2021. San Miniato Alto mt. 156 – Coiani mt. 162 - Pieve di Chianni mt. 260 – Gambassi Terme mt. 332. Si lascia il Valdarno per la Valdelsa su percorso più montano e di crinale, camminando su sterrati e sentieri. Si lascia Sam Miniato Alto uscendo a raggiungere l’ex convento dei Cappuccini e proseguendo sulla Francigena per  Calenzano. Da Calenzano si prosegue su sterrata panoramica che si lascia poi per uno splendido percorso sui crinali collinari della Val d’’Elsa. Passando per molti casali  si procede infine su sterrato a raggiungere Coiano sullo spartiacque tra val d’Elsa e la val d’Egola. Qui sorge la pieve dei santi Pietro e Paolo, risalente al XII° secolo,   annessa ad un complesso che include un castello ed edifici agricoli. Il percorso prosegue tra oliveti, vigneti e coltivi prima su sterrata e poi su sentiero che collega molti poderi. Giunti prima su una sterrata e poi su una provinciale in due km si raggiunge Santa Maria a Chianni alla periferia di Gambassi Terme. Qui c’è il nostro ostello. Con altri 750 mt. si entra in Gambassi Terme.

Ore 6 Dislivello salita mt. 400 in discesa mt. 220. km. 24,00. Difficoltà: media.

 

Giovedì 24/06/2021. Gambassi Terme mt. 332 - Pancole mt. 272 – Pieve di Cellole   mt. 340 – San Gimignano mt. 324.  Tappa suggestiva  e panoramica attraverso i vigneti del Chianti con cipressi a mo’ di vedette lungo le strade.

Lasciato Gambassi Terme si segue la Francigena su sterrate e  strade bianche camminando sul crinale  nel verde tra vigneti, oliveti e cipressi. La  sterrata di crinale porta in discesa a Pancole e al suo Santuario. Da qui riprendendo una strada bianca si raggiunge prima il borgo medioevale di Collemuccioli con i esti del catello carolingio e poi, già in vista di san Gimignano, la Pieve di Cellole. Visitato il luogo si prosegue per sterrata prima e sentiero poi in vista delle torri di San Gimignano che in breve si raggiunge entrando da porta San Matteo.

Ore 4 Dislivello salita/discesa mt. 350. Km. 14. Difficoltà: facile.

Venerdì 25/06/2021.  . San Gimignano mt. 332 – Quartaia mt. 173 – Strove mt. 184  -  Abbadia a Isola mt. 200.  Percorso con ampie estensioni di bosco a querceto che rendono vario e piacevole il cammino con alternanza di tratti ombreggiati ad aperti crinali coltivati a grano e oliveto. Si esce da San Gemignano per porta San Giovanni raggiungendo  il nucleo medioevale di Monte Oliveto. Da qui si prende una campestre che guadando  alcuni Borri con saliscendi porta  alla Torraccia di Chiusi mt. 220. Da qui sempre per campestre passando per dei querceti si arriva alla Badia a Coneo, abbazia Benedettina del XII° secolo, dove da dove per carrareccia e sentiero nel bosco  di querce si raggiunge l’asfalto alle prime case di Quartaia. Il percorso prosegue per sentiero e carrarecce con saliscendi passando per la borgata di Fabbrica oltre la quale una discesa passa accanto affioramenti di rocce ricche di fossili. Si segue un tratto lungo l’Elsa passando prima per Gracciano e poi per pieve a Elsa. Si prosegue su strada bianca e poi sulla SP 541 fino alle terme Le Caldane. Proseguendo per strade bianche secondarie si perviene prima al borgo di Acquaviva e poi a quello di Strove, pittoresco centro fortificato. Attraversato il centro storico  si esce e si sale per sterrato verso l’antico Castel Petraia, fortificazione medioevale,  ora trasformata in struttura alberghiera. Adesso la Francigena attraversa la Montagnola Senese. Si entra con una piota nel bosco per poi uscirne nei pressi di uliveti e per una strada bianca si raggiunge  il complesso medioevale di Abbadia a Isola con lo splendido complesso medioevale con l’abbazia dei Santi Salvatore e Cirino circondato da mura.

Ore 7 Dislivello salita mt. 500 in discesa mt. 460. km.27. Difficoltà: molto impegnativa.

Sabato 26/06/2021. Abbadia a Isola mt. 200 – Monteriggioni mt. 264 – La Villa mt. 316 - SIENA mt. 318.  Si giunge a Siena attraverso la montagnola Senese, toccando il borgo di Monteriggioni, alcuni castelli, i terreni bonificati del Pian del Lago e la campagna attorno alla città. I lascia Abbadia a Isola percorrendo la montagnola Senese per sentieri e strade bianche in vista di Monteriggioni. Raggiunta la Cassia la si attraversa e si sale verso Monteriggioni da dove si entra da porta San Giovanni raggiungendo la piazza centrale a cui si affaccia la chiesa romanica  di Santa Maria Assunta Usciti dal borgo si riattraversa la Cassia per strade bianche si sale sulla Montagnola a raggiungere il vecchio tracciato collinare della Francigena. Passando per alcuni poderi si raggiunge il castello della Chiocciola, costruzione del XVI secolo, che deve il nome alla scala elicoidale posta all’interno della torre cilindrica. Da qui sterrata e strada asfaltata si raggiunge il punto sosta di La VILLA, casa giardino che offre ospitalità ai pellegrini. Proseguendo si raggiunge il castello di Villa con torre medioevale. Da qui per sterrate  e carrarecce ei campi  si raggiunge las prov9nciale 101 che si segue per un buon tratto per deviare poi verso la località Osteriaccia e alla vicina piramide Leopoldina, obelisco settecentesco posto a ricordo della bonifica dell’area chiamata Pian del Lago. Ora seguendo i segnavia passiamo per la frazione di Convento Vecchio scendere a passare col sottopasso la tangenziale di Siena e salire  al quartiere di Petriccio. In salita si prosegue per la strada di Manciano passando davanti alla seicentesca villa Gori sede del Golf Club e alla modernissima chiesa di Manciano. Proseguendo si perviene presso l’Antiporto di Camolia, fortificazione duecentesca, e continuando si raggiunge  porta Camolia da cui si entra in Siena. Raggiungiamo via Banchi di Sopra e piazza del Campo e saliamo all’ostello Santa Maria della Scala – Casa delle Balie.

Ore 6 Dislivello in salita mt. 370 in discesa mt. 300. Km 25,00. Difficoltà: media.

Domenica 27/06/2021. Siena - Padova  Visita del centro storico. Da Siena con regionale 18224 delle ore 13:18 con arrivo a Firenze S.M.N. alle ore 14:50. Da Firenze S.M.N. Freccia rossa 9540 delle ore 15:55 con arrivo a Bologna alle ore 16:33. Da Bologna regionale 3986 delle ore 17:12 con arrivo a Padova alle ore 18:51.

Servizi compresi nella quota: il  viaggio in treno da Padova a Massa e da Siena a Padova. Euro 73,15.Pernotto in ostelli, rifugi, del Cammino. B & B, in camere doppie, triple da condividere. Cena a mezza pensione dove possibile eventuali cene in pizzerie o trattorie vicine ai luoghi di pernotto, assicurazione.

Servizi non compresi: ingressi a siti archeologici e monumenti e tutto quanto non indicato alla voce “Servizi compresi nella quota”. Non è previsto il trasporto dei bagagli.

Costo indicativo euro 450,00 (pernotti, pernotto a mezza pensione, cene, biglietti treno A/R come da programma, assicurazione).

Informazioni:  FABRIS ENNIO cell. 340 7181391 fabrisfabris(at)gmail(dot)com

                                                                            MODULO ADESIONE AL TREK CAMMINACAMMINA SULLA FRANCIGENA 

                                                                                                 Inviare l’iscrizione via mail a fabrisfabris(at)gmail(dot)com

 

Il/la sottoscritto/a _____________________________________ 

 

Socio Cai sezione______________________      Non socio CAI    (BARRARE SE NON SOCI)

telefono di casa o cellulare (per comunicazioni dell’ultima ora) _____________________

Intende aderire al Trek Camminacammina sulla Francigena dal 19 al 27 giugno 2021 ed iscrive pure : 

Cognome e nome____________________________________________

Da compilare per una migliore organizzazione dei servizi nel trekking :

 insofferenze alimentari   __________________________________________________

 NOTE:______________________________________________________________________________

 

Data________________                          Firma_______________________________

 

SCARICA